x
0 0

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url
Ciambella alle mele

Ciambella alle mele

Cuisine:

La ciambella alle mele è un ottimo dolce, molto facile da preparare.

  • 80 minuti
  • Medium

Ingredients

Directions

Share

Per la realizzazione di questa ricetta ho scelto come ingredienti la farina tipo 0 bio della ditta Girolomoni, il burro classico della ditta Lurpak, le mele biologiche della ditta Bioexpress.

Tutto inizia nel 1971, con Gino Girolomoni giovane sindaco del comune di Isola del Piano, che comincia a promuovere iniziative volte a valorizzare e sostenere l’antica civiltà contadina: corsi di agricoltura biologica e convegni attirano intellettuali, giornalisti e tecnici da tutta Italia. Queste prime esperienze sono alla base della nascita, il 13 luglio 1977, della Cooperativa Agricola Alce Nero, di cui viene ceduto il marchio circa 25 anni dopo, diventando Montebello®. In seguito alla scomparsa del suo fondatore, avvenuta nel marzo del 2012, la Cooperativa cambia il proprio nome in Gino Girolomoni Cooperativa Agricola. Con i suoi trenta soci e cinquanta dipendenti e con i suoi oltre 11,5 milioni di euro di fatturato (anno 2015), la Cooperativa Gino Girolomoni ha contribuito in modo sostanziale allo sviluppo del biologico in Italia. L’intensa attività iniziata da Gino Girolomoni con la Cooperativa ha contribuito in modo sostanziale a fermare la fuga dalla campagna e a spingere gli agricoltori a riprendere le loro attività, tornando ad abitare vecchie case ormai abbandonate. Dal 1979, nel giro di breve tempo, molti giovani del luogo hanno avuto accesso a nuove opportunità lavorative, dando nuova linfa all’economia locale.

Il 23 ottobre 1901 “Lurmark” è diventato un marchio registrato e nel contempo il riferimento in base al quale sarebbe stato successivamente giudicato qualsiasi altro burro. Dal 1911 regolari degustazioni alla cieca e campioni settimanali hanno significato che solo i migliori caseifici possono utilizzare il marchio Lurmark Danish Butter, un livello di controllo che vi garantisce di ricevere solo la migliore qualità di burro in assoluto. Con i suoi famosi “lur” intrecciati – strumenti musicali dell’Età del Bronzo, divenuti simbolo della Danimarca – il marchio continua a identificare il burro Lurpak® di prima qualità che amate. La buona cucina non merita niente di meno..Solo nel 1957 il Lurmark Danish Butter è diventato il Lurpak® che conosciamo e apprezziamo oggi. Fin da quando la Danimarca ha invitato gli altri paesi a provare il suo burro, questo è diventato un ingrediente principe nelle cucine di tutto il mondo. Dalla padella al forno, per arrostire e da spalmare, Lurpak® è venduto in più di 75 paesi e sostenuto da un numero crescente di affezionati estimatori che meritano il burro della migliore qualità e niente meno. Per creare il gusto raffinato di Lurpak® abbiamo unito i metodi tradizionali alle tecnologie più all’avanguardia. Lurpak® è un burro lattico dal colore pallido. Il processo inizia con circa 20 kg di latte intero per produrre 1 kg di burro. La parte migliore e più gustosa del latte – la panna – viene attentamente “stagionata” prima di essere utilizzata per produrre il burro. Vengono quindi aggiunte le colture di fermenti lattici che conferiscono quella nota fresca e leggermente aromatica che unita all’inconfondibile cremosità creano il tipico aroma Lurpak®. Tutto qui! Non vengono aggiunti altri ingredienti, a parte un pizzico di sale alla varietà leggermente salata. Lurpak® inconfondibilmente fresco, incredibilmente – leggermente aromatico. Perfetto per cucinare, per preparare dolci e gratinare, semplicemente da spalmare e per qualsiasi cosa si voglia ‘creare’ in cucina. Il Burro Lurpak® classico è prodotto da panna fresca e nient’altro. È Lurpak® allo stato più puro ed è completamente privo di sale. Con un contenuto di umidità inferiore rispetto alla maggior parte degli altri tipi di burro diventa un ingrediente prezioso ed essenziale in cucina e si rende particolarmente utile nella preparazione di dolci, creme e pasticcini.

Bio Express è un gruppo di produttori dell’Alto Adige che si dedica alla coltivazione di frutta e verdura applicando le regole dell’agricoltura biologica. In collaborazione con altri colleghi produttori di diverse regioni d’Italia si impegnano inoltre con particolare attenzione nella commercializzazione diretta dei nostri prodotti. Il sistema di vendita non solo instaura un rapporto diretto e personalizzato tra il produttore ed il consumatore ma consente anche un vantaggio di prezzo per il consumatore ed un ricavo equo per il produttore. Particolare attenzione lo dedicano alla produzione locale. Attraverso un articolato piano di produzione, riescono a garantire una vasta e varia offerta di frutta e verdura, rispettando le caratteristiche di stagionalità e di regionalità. Per garantire il servizio anche nel periodo invernale, quando nella loro regione e in certe altre regioni non è possibile raccogliere frutta e verdura fresca, collaborano con produttori biologici ben scelti di varie regioni italiane. Sono così in grado di offrire un assortimento interessante e vario durante tutto l’anno. Quello che propongono potrà forse apparire bizzarro o perlomeno controcorrente ma in Alto Adige, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Roma a testimoniare la bontà dei nostri prodotti naturali, sono le oltre 4.000 famiglie che ogni settimana ricevono la nostra cassetta. Direttamente dalla loro sede a Lagundo vicino a Merano in Alto Adige serviamo la Lombardia e parte del Veneto. Direttamente a Roma preparano le cassette per Roma e d’intorni. Per la regione Friuli Venezia Giulia collaborano con FVG-Bio della zona di Udine. Contattateli per verificare la copertura del servizio nella vostra zona. Il biologico è un sistema di produzione agricola che cerca di offrire prodotti freschi, gustosi e genuini, rispettando il ciclo della natura. È controllato e garantito dalla coltivazione alla vendita. L’assenza di prodotti chimici, la rotazione dei campi e l’uso di concime organico sono le basi per una coltivazione biologica. In un mondo in cui gli scandali ecologici sono fatti quotidiani, sempre più persone sono alla ricerca di prodotti naturali per una vita più sana e giusta. Cosa vuol dire essere certificati biologici, lo si può trovare nel regolamento europeo CE 834/07. Più precisamente:

  • è vietato l’uso di sostanza chimiche e/o sintetiche per trattare le piante,
  • è vietato l’uso di diserbanti,
  • è vietato l’utilizzo di concimi non naturali.

Bioexpress opera esclusivamente nel biologico. Bioexpress e tutte le aziende agricole con cui collabora sono certificate ai sensi del Regolamento CE 834/07. Questo per garantire la sicurezza di acquistare alimenti prodotti secondo metodi rispettosi dell’ambiente che ci circonda tutti. Eventuali prodotti provenienti da aziende in conversione sono indicati. Questo per dare la possibilità ai nostri produttori di allargare gradualmente la loro superficie di coltivazione biologica.

Ringrazio le tre aziende per avermi omaggiato di questi ottimi prodotti.

Steps

1
Done

Preriscaldare il forno a 180°C. Imburrare una tortiera rotonda e tenerla da parte.

2
Done

Sbucciare le mele, tagliare in quarti e rimuovere il torsolo e i semi. Con un coltello affilato, effettuare dei tagli paralleli sulla parte esterna degli spicchi, senza incidere troppo a fondo. Tenere da parte gli spicchi di mela.

3
Done

Mettere nel boccale il burro, le uova, lo zucchero, il Brandy, la farina, il lievito in polvere e il sale, mescolare 20 secondi velocità 6. Versare il composto nella tortiera e livellare con l'aiuto della spatola. Sistemare i quarti di mela sul composto, uno vicino all'altro, con la parte incisa rivolta verso l'alto.

4
Done

Infornare per 30-40 minuti (180°C) verificando la cottura con uno stuzzicadenti: se ne esce asciutto e pulito, la torta è pronta. Lasciare raffreddare la torta per circa 10 minuti prima di sformarla su un piatto da servizio. Decorare a piacere con zucchero a velo prima di servire.

Irene Milito

previous
Conchiglioni ricotta e spinaci
next
Ciambellone veloce allo yogurt
previous
Conchiglioni ricotta e spinaci
next
Ciambellone veloce allo yogurt

Add Your Comment